uruknet.info
  اوروكنت.إنفو
     
    informazione dal medio oriente
    information from middle east
    المعلومات من الشرق الأوسط

[ home page] | [ tutte le notizie/all news ] | [ download banner] | [ ultimo aggiornamento/last update 28/08/2019 00:45 ] 5853


english italiano

  [ Subscribe our newsletter!   -   Iscriviti alla nostra newsletter! ]  



Il ritiro dall’Iraq è una bufala: invece restiamo e costituiamo un Prt


Il ritiro del contingente italiano dall'Iraq non ci sarà, o meglio, non sarà nulla di diverso da quello che già il precedente governo aveva stabilito: un cambio di tipologia, con un adeguamento dello strumento militare, e una ridefinizione della missione "Antica Babilonia".
"E' intenzione del governo proporre al Parlamento il rientro dei nostri soldati" afferma il capo del governo Romano Prodi in riferimento alla missione in Iraq. "Italiani, restate: abbiamo ancora bisogno di voi perché terrorismo e criminalità non dilaghino", è invece l'appello del governatore della provincia di Nassiriya, Aziz Al Ogheli. Ritiro o non ritiro, allora?


[5853]



Uruknet on Alexa


End Gaza Siege
End Gaza Siege

>

:: Segnala Uruknet agli amici. Clicka qui.
:: Invite your friends to Uruknet. Click here.




:: Segnalaci un articolo
:: Tell us of an article






Il ritiro dall’Iraq è una bufala: invece restiamo e costituiamo un Prt

Osservatorio Iraq

Il ritiro dall’Iraq è una bufala: invece restiamo e costituiamo un Prt
di Paolo Rolli

Pagine di Difesa, 23 maggio 2006

Il ritiro del contingente italiano dall'Iraq non ci sarà, o meglio, non sarà nulla di diverso da quello che già il precedente governo aveva stabilito: un cambio di tipologia, con un adeguamento dello strumento militare, e una ridefinizione della missione "Antica Babilonia".

"E' intenzione del governo proporre al Parlamento il rientro dei nostri soldati" afferma il capo del governo Romano Prodi in riferimento alla missione in Iraq. "Italiani, restate: abbiamo ancora bisogno di voi perché terrorismo e criminalità non dilaghino", è invece l'appello del governatore della provincia di Nassiriya, Aziz Al Ogheli. Ritiro o non ritiro, allora?

Il ritiro del contingente italiano non ci sarà, o meglio, si assisterà a nulla di diverso rispetto a quello che già il precedente governo aveva stabilito: un cambio di tipologia dell'impegno nazionale in Iraq, con un adeguamento dello strumento militare e una ridefinizione della missione "Antica Babilonia". A partire dal nome, che diventerà "Nuova Babilonia".

A dispetto degli squilli di tromba e dei rulli di tamburo con i quali Romano Prodi sta annunciando di voler cessare l'impegno militare a Nassiriya, sostituendolo con un impegno "civile", a breve si assisterà solo al ridimensionamento del dispositivo militare: presenza indispensabile per dare vita a quel Provincial Reconstruction Team che inizierà a operare già dal mese di giugno.

E' impensabile - e sarebbe irresponsabile - infatti, che il governo italiano decida di mantenere a Nassiriya solo una presenza civile, costituita da funzionari ed esperti del ministero degli Esteri (Mae). Da qualche giorno nel capoluogo della provincia del Dhi Qar sono giunti alcuni rappresentanti del Mae, nocciolo di quello che diverrà il Prt italiano in quell'area, per la cui sicurezza e logistica, perٍ, saranno necessari non meno di 600 militari - in pratica un reggimento - con i relativi mezzi e supporti.

Di fatto, quindi, il governo annuncia solamente a parole un rapido disimpegno militare dall'Iraq, mentre in concreto, volendo avviare un team di ricostruzione provinciale, la presenza di truppe sarà condizione indispensabile. Le parole di Prodi, dunque, devono essere lette solo in funzione del mantenimento della calma all'interno del suo eterogeneo esecutivo, per non irritare ulteriormente l'ala più radicale della compagine governativa, per la quale l'impegno in Iraq non sarebbe nemmeno dovuto iniziare. In tal senso si debbono leggere anche le parole "guerra" e "occupazione", pronunciate da Prodi nel suo discorso al Senato ad uso e consumo dei suoi alleati più estremisti. Parole che, è bene ricordarlo, stridono con la realtà dei fatti, in quanto l'Italia si è impegnata in Iraq, peraltro con una missione di carattere umanitario e di ricostruzione, ben dopo la fine del conflitto tra le truppe irachene di Saddam Hussein e quelle anglo-americane, e soprattutto dietro mandato delle Nazioni Unite. Senza contare i ripetuti e accorati appelli delle autorità irachene all'Italia, che invocano la prosecuzione dell'impegno.

Come si conciliano, allora, l'annuncio del ritiro e il programma di dar vita a un Prt? Semplicemente non si conciliano. Un Prt non può vivere senza un'adeguata presenza militare, come del resto insegna l'unica esperienza in tal senso finora avviata dal nostro Paese, quella in Afghanistan, dove nell'ambito della missione Nato Isaf, la presenza nazionale vede impegnati nel Prt di Herat, a guida italiana, 150 militari e cinque funzionari civili. Senza contare, tra l'altro, che i progetti di ricostruzione avviati e conclusi dall'Esercito sono di gran lunga superiori in numero e importanza rispetto a quelli del ministero degli Esteri.

Meramente funzionale a mantenere la tranquillità all'interno dell'esecutivo, dunque, appare il discorso del capo del governo, che dovendo salvare capra e cavoli, da un lato annuncia in maniera roboante il ritiro, mentre dall'altro è perfettamente consapevole che ciò non avverrà. A meno che non si voglia abbandonare l'Iraq in maniera totale, senza lasciarvi, quindi, né civili né militari. Del resto, proprio nei giorni scorsi, così come era stato programmato dal precedente governo, è iniziata la costituzione del Prt di Nassiriya, per permettere il funzionamento e la sicurezza del quale serviranno non meno di seicento militari.

"Nella prima decade di giugno ci sarà l'inaugurazione del Prt, che a metà dello stesso mese acquisirà la piena operatività", ha spiegato infatti Ugo Trojano, il funzionario designato dal ministero degli Esteri a guidare la nuova struttura con la collaborazione di due vice: un ufficiale italiano e un civile statunitense. Non cesserà, quindi, la presenza militare, come ha affermato anche il generale Natalino Madeddu, comandante della brigata Sassari e dell'Italian Joint Task Force Iraq a Nassiriya, per dare continuità soprattutto agli impegni in ambito Cimic (Civil-Military Cooperation) e Ssr (Security Sector Reform).

Indirette conferme in tal senso sono giunte anche dall'ambasciatore italiano a Baghdad, Maurizio Melani, che proprio a Nassiriya, in occasione dell'ultima visita da ministro della Difesa di Antonio Martino al contingente là dispiegato, non ha parlato di ritiro, bensì di riduzione. "La forza militare andrà progressivamente riducendosi e, a fronte di questa riconfigurazione, c'è un'esigenza di continuare il sostegno sul piano civile - ha detto.

Sono già stati predisposti gli interventi affinché ciò si possa realizzare con la costituzione di un Prt che dovrà dare sostegno alle capacità organizzative e di 'governance’ delle autorità locali, accompagnando questa attività con l'attuazione di progetti concreti che siano di immediato beneficio per la popolazione".




:: Articolo n. s5853 postato il 23-may-2006 16:09 ECT

www.uruknet.info?p=s5853

Link: www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=2337



:: The views expressed in this article are the sole responsibility of the author and do not necessarily reflect those of this website.

The section for the comments of our readers has been closed, because of many out-of-topics.
Now you can post your own comments into our Facebook page: www.facebook.com/uruknet





       
[ Versione stampabile ] | [ Spediscila a un amico ]


[ Contatto/Contact ] | [ Home Page ] | [Tutte le notizie/All news ]







Uruknet on Twitter




:: RSS updated to 2.0

:: English
:: Italiano



:: Uruknet for your mobile phone:
www.uruknet.mobi


Uruknet on Facebook






:: Motore di ricerca / Search Engine


uruknet
the web



:: Immagini / Pictures


Initial
Middle




The newsletter archive




L'Impero si è fermato a Bahgdad, by Valeria Poletti


Modulo per ordini




subscribe

:: Newsletter

:: Comments


Haq Agency
Haq Agency - English

Haq Agency - Arabic


AMSI
AMSI - Association of Muslim Scholars in Iraq - English

AMSI - Association of Muslim Scholars in Iraq - Arabic




Font size
Carattere
1 2 3





:: All events








     

[ home page] | [ tutte le notizie/all news ] | [ download banner] | [ ultimo aggiornamento/last update 28/08/2019 00:45 ]




Uruknet receives daily many hacking attempts. To prevent this, we have 10 websites on 6 servers in different places. So, if the website is slow or it does not answer, you can recall one of the other web sites: www.uruknet.info www.uruknet.de www.uruknet.biz www.uruknet.org.uk www.uruknet.com www.uruknet.org - www.uruknet.it www.uruknet.eu www.uruknet.net www.uruknet.web.at.it




:: This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a 'fair use' of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more info go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond 'fair use', you must obtain permission from the copyright owner.
::  We always mention the author and link the original site and page of every article.
uruknet, uruklink, iraq, uruqlink, iraq, irak, irakeno, iraqui, uruk, uruqlink, saddam hussein, baghdad, mesopotamia, babilonia, uday, qusay, udai, qusai,hussein, feddayn, fedayn saddam, mujaheddin, mojahidin, tarek aziz, chalabi, iraqui, baath, ba'ht, Aljazira, aljazeera, Iraq, Saddam Hussein, Palestina, Sharon, Israele, Nasser, ahram, hayat, sharq awsat, iraqwar,irakwar All pictures

url originale



 

I nostri partner - Our Partners:


TEV S.r.l.

TEV S.r.l.: hosting

www.tev.it

Progetto Niz

niz: news management

www.niz.it

Digitbrand

digitbrand: ".it" domains

www.digitbrand.com

Worlwide Mirror Web-Sites:
www.uruknet.info (Main)
www.uruknet.com
www.uruknet.net
www.uruknet.org
www.uruknet.us (USA)
www.uruknet.su (Soviet Union)
www.uruknet.ru (Russia)
www.uruknet.it (Association)
www.uruknet.web.at.it
www.uruknet.biz
www.uruknet.mobi (For Mobile Phones)
www.uruknet.org.uk (UK)
www.uruknet.de (Germany)
www.uruknet.ir (Iran)
www.uruknet.eu (Europe)
wap.uruknet.info (For Mobile Phones)
rss.uruknet.info (For Rss Feeds)
www.uruknet.tel

Vat Number: IT-97475012153